Come coltivare le Rose rampicanti: colorate e resistenti a ogni clima

11 Aprile 2019 GIARDINO

coltivare le Rose rampicanti

Possiamo coltivare le Rose rampicanti in giardino o in grandi vasi per coprire muri, cancelli, pilastri, gazebo o pergole. Sono i rosai più indicati per coprire, da aprile a ottobre, qualsiasi struttura.

Le Rose rampicanti sono in grado di aggrapparsi da sole ai sostegni, mentre le Rose sarmentose vanno indirizzate e legate ai supporti. Entrambe producono rami che possono arrivare fino a 6 metri di lunghezza, formando una fitta rete ombreggiante per tutta la bella stagione.

Sono contraddistinte da una lunga fioritura, un’ottima capacità coprente e una bassa manutenzione. Inoltre sono resistenti sia al caldo intenso sia al gelo.

Molte Rose rampicanti e sarmentose produco delle bacche. Quando i fiori appassiscono sviluppano dei frutti colorati molto decorativi.

Coltivare le Rose rampicanti: differenza tra rampicanti e sarmentose

Amano il pieno sole, ma tollerano anche qualche ora giornaliera di ombra. Non hanno problemi alle alte temperature né a quelle basse: resistono fino a -25°C.

L’innaffiatura deve essere abbondante nei primi due anni dall’impianto. In seguito si annaffia solo in presenza di lunghi periodi caldi e senza pioggia. In autunno e inverno le irrigazioni vanno comunque sospese.

Si concima con un fertilizzante granulare a lenta cessione specifico per Rose, da distribuire in marzo, maggio e settembre.

In grandi vasche (almeno 60x60x50 h cm) si possono coltivare solo le varietà di minori dimensioni (3-4 m di lunghezza dei rami). Usate un terriccio specifico per piante da fiore e stendete sul fondo del contenitore uno strato di biglie di argilla espansa per migliorare il drenaggio dell’acqua in eccesso.

In gennaio la potatura è fondamentale per riordinare la chioma, indirizzare i tralci, eliminare quelli secchi o spezzati. In primavera e in estate i lunghi rami vanno indirizzati e fissati ai supporti.

I fiori appassiti vanno tagliati regolarmente per favorire delle nuove fioriture. Questa regola non vale per le Rose da bacca: poiché altrimenti non produrrà i frutti in autunno.

Per prevenire l’attacco dei parassiti possiamo spruzzare sulla pianta un potenziatore a base di silice, che incrementa le resistente naturali delle piante, creando una barriera fisica sugli organi vegetali che non permette l’attacco di malattie.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *