Come coltivare le Ginestre in giardino: i Cytisus

12 Gennaio 2024 GIARDINO

coltivare le Ginestre

Se vogliamo coltivare le Ginestre in giardino perché siamo rimasti affascinati dalle loro belle fioriture di colore giallo brillante, è bene precisare che dietro il termine di “Ginestra” (Genisteae) si cela un ampio gruppo di piante appartenenti a generi differenti. Come Calicotome, Genista, Spartium, Ulex e Cytisus.

Per la coltivazione in giardino vi suggeriamo di puntare su quest’ultimo genere, le Cytisus, che possiamo trovare facilmente in commercio in molte varietà. Come per esempio il Cytisus racemosus con fiori gialli, il Cytisus albus con fiori bianchi, il Cytisus scoparius disponibile in tante varietà in tutte le tinte del rosso e del giallo oppure il Cytisus praecox che inizia la fioritura già ad aprile.

Le varietà con le fioriture più belle sono generalmente decidue, come il Cytisus scoparius: perdono le foglie da novembre a febbraio e fioriscono da maggio fino a luglio. Ci sono però anche varietà sempreverdi, come il Cytisus racemosus, che fiorisce da febbraio ad aprile.

Dove coltivare le Ginestre

I Cytisus sono piante rustiche mediterranee: tollerano bene le estati afose e anche il freddo fino a -15°C. In giardino scegliamo una posizione soleggiata per ottenere fioriture più rigogliose.

Come coltivare una Ginestra in giardino

Il trapianto può essere effettuato all’inizio della primavera oppure in autunno: evitiamo i trapianti nei mesi più caldi, quando gela e nel periodo della fioritura.

Prepariamo una buca con dimensioni e una profondità doppie rispetto al vaso in cui è contenuta la piantina. Prima del trapianto integriamo nel terreno sul fondo della buca una dose abbondante di concime biologico, come lo stallatico pellettato, o di un fertilizzante granulare a lenta cessione specifico per piante da fiore.

La prima concimazione è utile per i primi 4/5 mesi di vita della pianta. In seguito dovremo sostenere la fioritura ripetendo la concimazione con un fertilizzante granulare ogni 4 mesi, all’inizio di ogni stagione.

Essendo coltivata all’aperto potrà godere delle piogge. Non esageriamo con le irrigazioni: limitiamoci a intervenire in estate e in caso di lunghi periodi di siccità.

Come potare la Ginestra

Al termine della fioritura potiamo drasticamente i rami sfioriti. La potatura serve sia a contenere lo sviluppo della pianta, sia a stimolare la produzione di nuovi rami.

Infine vi ricordiamo che si tratta di una pianta tossica: in presenza di animali domestici o bambini piccoli prestiamo attenzione poiché foglie, fiori e semi sono velenosi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *