Come coltivare il Tasso in giardino: Taxus

26 Gennaio 2024 GIARDINO

coltivare il Tasso

Possiamo coltivare il Tasso (Taxus) se vogliamo creare una siepe nel nostro giardino che ci protegga dalla vista altrui, grazie alla compattezza delle sue fronde verdi e fitte, ma sia anche facile da curare e potare.

Il Tasso è diffuso dalle isole britanniche alle coste del Mediterraneo e la sua fama si protrae da secoli. È una delle piante più tossiche e gli antichi Greci che la impiegavano come veleno per le loro frecce. Deriva da questa caratteristica il suo nome Tasso, che in greco significa “freccia”. Si tratta di una tossina molto pericolosa, addirittura mortale se ingerita per vari tipi di animali.

Verso il termine dell’estate noteremo tra i rami del Tasso delle belle bacche rosse: sono gli arilli, l’unica parte della pianta che non è tossica e di cui uccelli come il Tordo sono ghiotti.

Dove coltivare il Tasso

Scegliamo un luogo caldo e soleggiato per ottenere una pianta sana e rigogliosa. Il Tasso crescere bene anche in mezz’ombra.

Difficilmente potremo coltivarlo se abitiamo in zone litoranee con relativi venti salmastri o dove gli inverni sono più rigidi poiché grandi e improvvisi sbalzi di temperatura possono seccare le foglie.

Si adatta invece bene alle aree urbane e tollera lo smog atmosferico senza problemi. Infatti viene spesso usato nel verde pubblico per abbellire le aiuole delle città.

Come coltivare il Tasso

In ottobre o in primavera possiamo mettere a dimora il Tasso in giardino.

Sia che si tratti di una pianta singola sia se siamo in presenza di una siepe, vi suggeriamo di preparare le buche d’impianto con qualche settimana in anticipo. In questo periodo integriamo sul fondo della buca una dose di concime organico come lo stallatico pellettato o di concime granulare. Prima del trapianto controlliamo anche il perfetto drenaggio delle buche: irrighiamo e verifichiamo che l’acqua defluisca rapidamente senza creare pozze.

Come concimare il Tasso

Le concimazioni con lo stallatico o i fertilizzanti granulari vanno ripetute almeno due volte all’anno, all’inizio della primavera e dell’autunno.

Come irrigare il Tasso

Quando inizia l’estate e le temperature aumentano possiamo innaffiare, con moderazione, il Tasso. Saranno poi le piogge dei mesi successivi a essere sufficienti.

Come potare il Tasso

Programmiamo una potatura regolare così da sfoltire le fronde del Tasso. Inoltre questa azione stimolerà il vigore della crescita rendendola più ordinata.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *