Come coltivare il Lauroceraso in giardino e in vaso

14 Giugno 2022 GIARDINO

coltivare il Lauroceraso

Possiamo coltivare il Lauroceraso per realizzare siepi sempreverdi, davvero molto schermanti. Ma possiamo allevarla anche come esemplare singolo in giardino oppure in vaso.

Il Lauroceraso (Prunus lurocerasus) è una pianta arbustiva molto vigorosa caratterizzata da grandi foglie coriacee di un bel colore verde lucido.

In giardino possiamo usarlo per creare degli sfondi naturali per far spiccare le bordure fiorite. Sul terrazzo è un’ottima soluzione per creare delle “pareti verdi” frangivista.

Le foglie del Lauroceraso non sono tutto! In primavera, verso aprile, sbocciano tanti piccoli fiorellini bianchi riuniti in pannocchie, che in seguito diventano piccoli frutti scuri.

Dove coltivare il Lauroceraso

Il Lauroceraso è una pianta originaria dell’Europa orientale e dell’Asia e tollera il freddo fino a -15°C. È una pianta rustica e tollera bene anche il caldo estivo. Possiamo quindi coltivarlo nei giardini di tutta Italia con successo.

Scegliamo una posizione in pieno sole o in mezz’ombra.

Le gelate possono danneggiare alcuni rami: sarà sufficiente potarli.

Dove irrigare il Lauroceraso

Gli esemplari giovani nei primi anni dalla messa a dimora vanno irrigati con regolarità da marzo a settembre. Le piante adulte si accontentano delle piogge e interverremo soltanto in caso di lunghi periodi di siccità e in estate.

I Laurocerasi coltivata in vaso vanno invece irrigati con regolarità, in modo che il terriccio risulti sempre inumidito.

Sopporta brevi periodi di siccità e anche di ristagno idrico.

Come coltivare il Lauroceraso in giardino

Si mette a dimora a inizio autunno o in febbraio. Prepariamo le buche d’impianto con una settimana in anticipo e aggiungiamo alle buche un concime naturale, come lo stallatico pellettato, o un fertilizzante granulare a lenta cessione.

Come coltivare il Lauroceraso in vaso

Se vogliamo coltivare un Lauroceraso in vaso è bene preferire una varietà nana. Dopo l’acquisto possiamo rinvasare il Lauroceraso in un vaso ampio e profondo. Stendiamo sul fondo uno strato di 10 cm di biglie di argilla espansa per migliorare il drenaggio dell’acqua in eccesso. Dopo aver posizionato la pianta al centro, possiamo riempire il vaso con un terriccio per piante fiorite. Pressiamo leggermente per fare uscire le bolle d’aria e irrighiamo generosamente.

Come concimare il Lauroceraso

Le piante coltivate in giardino vanno concimate all’atto della messa a dimora e all’inizio dell’autunno e della primavera. Possiamo usare un concime granulare per piante da fiore.

Possiamo seguire lo stesso programma anche per le piante coltivate in vaso. Per forzare la fioritura possiamo diluire nell’acqua per irrigazione una dose di fertilizzante per piante da fiore ogni 15 giorni.

Come potare il Lauroceraso

È una pianta da siepe e tollera bene le potature. Alla fine dell’inverno o della primavera possiamo potare i rami più lunghi, per conservare la forma della pianta. La potatura non si effettua con un tosasiepi a motore: meglio usare delle cesoie per siepi.

Se coltiviamo il Lauroceraso come pianta da siepe e lo sottoponiamo a frequenti potature non potrà fiorire.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.