Come coltivare il Coriandolo nell’orto e in vaso

12 Aprile 2024 ORTO

Coltivare il coriandolo

Possiamo coltivare nel nostro orto anche una pianta aromatica un po’ meno nota in cucina come il Coriandolo (Coriandrum sativum).

Conosciuto anche con il nome di Prezzemolo cinese, il Coriandolo è una pianta erbacea annuale e raggiunge un’altezza di 40/60 cm. Fa parte della famiglia delle Ombrellifere (Apiaceae) come il Prezzemolo, l’Aneto e il Finocchio.

Un po’ come il Prezzemolo, il Coriandolo si caratterizza per le foglie composte: provate a strofinarle e apprezzerete il loro gradevole aroma, però il retrogusto amaro potrebbe non piacere a tutti.

Diversi sono i suoi usi: oltre che in cucina, come detto, impiegando foglie e semi come spezia, in cosmetica sono utilizzate le infiorescenze a ombrella per creare creme, saponi e profumi.

Dove coltivare il Coriandolo

Il Coriandolo esige una posizione soleggiata per crescere bene.

Teme le gelate tardive e possiamo coltivarlo all’aperto solo quando le minime saranno stabilmente sopra i 10°C. Possiamo anticipare la semina in un luogo protetto già a marzo, per poi trapiantare le piantine da aprile.

Come seminare il Coriandolo

Da aprile fino a giugno possiamo seminare il Coriandolo nel nostro orto.

Come in altri casi, prepariamo il letto di semina con attenzione, iniziando a rendere soffice il terreno grazie a zappa e rastrello e ripuliamo da sassi e radici di altre piante. Procediamo poi incorporando nel suolo un fertilizzante naturale, come lo stallatico pellettato o un concime consentito in agricoltura biologica.

Quando iniziamo a seminare, calcoliamo una distanza di circa 20 cm tra ogni piantina e di 40 cm tra le file. Poniamo il seme a una profondità di circa 2 cm e lo ricopriamo con pochissima terra.

Se scegliamo la coltivazione in vaso utilizziamo un terriccio biologico.

Come irrigare il Coriandolo

Controlliamo che il substrato di coltivazione sia sempre umido nelle settimane successive alla semina, affinché le piantine possano svilupparsi in modo rapido.

Quando le piantine saranno sviluppate potranno godere delle piogge e interverremo con l’irrigazione solo in caso di lunghi periodi senza precipitazioni e in estate.

Se invece coltiviamo il Coriandolo in vaso dovremo irrigarlo periodicamente, poiché non prenderà pioggia né le radici potranno cercare umidità nel sottosuolo. Da maggio fino al raccolto, diluiamo una dose di concime liquido biologico ogni 15 giorni.

Il periodo di raccolta dipende dal periodo di semina e avviene in estate, tra giugno e agosto.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *