Come coltivare il Callistemon in giardino

9 Aprile 2024 GIARDINO

coltivare il Callistemon

Possiamo coltivare il Callistemon in giardino per colorare una bordura fiorita, come cespuglio singolo o per creare una siepe. Tollera il gelo fino a -5°C e nelle zone con inverni più freddi possiamo coltivarlo in vaso e proteggerlo in una serra fredda. Il Callistemon è amato per i bizzarri fiori a forma di scopino lunghi fino a 20 cm: di solito sono di colore rosso ma ci sono varietà con fiori rosa, arancioni o gialli e bianchi come nel Callistemon pallidus.

Il Callistemon fa parte della famiglia delle Myrtaceae ed è un genere di arbusti ornamentali originari dell’Australia. È una pianta perenne sempreverde e fiorisce in primavera da aprile a giugno. Se le condizioni climatiche lo consentono effettua una seconda fioritura in autunno, in settembre e ottobre. I fiori persistono per molto tempo sulla pianta.

Dove coltivare il Callistemon

Ama il caldo e le temperature elevate: alcune specie tollerano anche temperature oltre i 40°C. Le temperature ideale di coltivazione sono comprese tra i 15°C e i 25°C. Al contrario non ama il gelo: alcune varietà tollerano fino a -5°C ma in generale è una pianta che va in sofferenza a 0°C. È una pianta indicata per i giardini al mare.

Scegliamo una posizione soleggiata per avere maggiori fioriture: tollera la siccità e ama il sole diretto.

Come coltivare il Callistemon in giardino

La piantumazione si effettua in primavera, quando il rischio di gelate tardive è ormai scongiurato. Le piante adulte coltivate in giardino possono superare i 3 metri: se piantiamo più esemplari manteniamo una distanza di almeno 100 cm tra ogni buca.

Le buche d’impianto dovranno avere una dimensione e una profondità doppia rispetto al vaso in cui è contenuta la piantina. Distribuiamo sul fondo della buca una dose di concime granulare a lenta cessione per piante acidofile. Ripetiamo questo tipo di concimazione in estate per stimolare una fioritura più abbondante. Nell’anno successivo al primo impianto effettueremo 3 concimazioni all’anno: all’inizio della primavera, dell’estate e dell’autunno.

All’atto del trapianto usiamo un terriccio per piante acidofile per riempire la buca: il Callistemon ama un terriccio con un pH leggermente acido.

Come irrigare il Callistemon

Durante il primo anno di crescita il Callistemon va irrigato con regolarità, in particolare nel periodo estivo.

Le piante adulte sfruttano le piogge e hanno un apparato radicale più sviluppato per cercare l’umidità in profondità nel terreno: irrigheremo solo in estate e in presenza di lunghi periodi di siccità.

Evitiamo di eccedere con l’irrigazione per non creare ristagni d’acqua che possono causare marciumi radicali. È una pianta che ama il caldo e tollera bene brevi periodi di siccità: al contrario non ama terreni troppo bagnati.

Come potare il Callistemon

La potatura non è indispensabile. Dopo la fioritura autunnale possiamo però potare i rami danneggiati e secchi e quelli che sono cresciuti troppo o in modo disordinato.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *