Come coltivare gli Anemoni, i fiori del vento

30 Ottobre 2020 CASA-TERRAZZO, GIARDINO

coltivare gli Anemoni

Possiamo coltivare gli Anemoni sia in giardino sia in vaso con successo. Gli Anemoni, il cui nome significa fiore del vento, appartengono alla famiglia delle Ranunculaceae e sono disponibili in moltissime varietà. Tra le specie bulbose più diffuse per un uso ornamentale è molto utilizzato l’Anemome coronaria che è molto resistente al freddo e produce fioriture abbondanti con delle foglie decorative frastagliate.

In giardino creano delle vere e proprie macchie di colore, poichè si propagano molto facilmente. Danno risultati eccellenti anche nei giardini rocciosi. Per la coltivazione in vaso possiamo sfruttare le confezioni mix che contengono Anemoni di vari colori, oppure possiamo abbinarli con altri bulbi, come Tulipani e Narcisi, per avere una fioritura continua da marzo a giugno.

Tra le varietà di Anemome coronaria vi suggeriamo la St. Brigid con petali più piccoli e la De Caen con petali ampi. Le piante raggiungono un’altezza di 25 cm e perciò sono perfette per una coltivazione in vaso.

Entrambi sono bulbi autunnali: si piantano in vaso o giardino tra settembre e dicembre e fiorisce tra aprile e maggio.

Coltivare gli Anemoni: non eccediamo con l’irrigazione

Gli Anemoni crescono bene in pieno sole ma anche in mezz’ombra, purché sia una zona molto luminosa e al riparo dal vento.

Vanno irrigati regolarmente, in modo non troppo abbondante. Dopo la messa a dimora occorre bagnare ogni 15 giorni se l’inverno è asciutto. Curate il drenaggio poiché, come tutte le bulbose, è sensibile ai ristagni d’acqua. In caso di coltivazione in vaso, stendiamo uno strato di 5 cm di biglie di argilla espansa sul fondo e copriamo con un terriccio specifico per piante da fiore.

Il bulbo va posizionato a una profondità doppia rispetto al suo diametro, con l’apice rivolto verso l’alto.

I bulbi contengono già le sostanze nutritive necessarie alla fioritura, ma apprezzano una dose di concime granulare per piante da fiore a fine inverno o dopo la fioritura. Nel caso della coltivazione in vaso, possiamo sostenere la fioritura con in fertilizzante liquido specifico per piante da fiore.

Dopo la fioritura possiamo tagliare gli steli fioriferi e lasciare completamente seccare le foglie, che avranno finito il loro ciclo vegetativo rilasciando nel bulbo le sostanze di riserva per la prossima fioritura.

Clicca qui per scoprire tutti nostri bulbi autunnali!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.